Le 3 regole d’oro del lettore notturno

 
shutterstock_254265289

Le 3 regole d’oro del lettore notturno19 October 2018

È risaputo, leggere a letto fa bene ed è bello: il corpo si riposa e la mente si diverte e si rilassa. Per far riposare anche i nostri occhi, però è bene seguire alcune piccole accortezze.

1. Tieni il libro ad almeno 35 cm dagli occhi

La distanza ottimale per leggere, scrivere e studiare corrisponde a quella che intercorre tra la prima nocca del dito medio ed il gomito, che negli adulti equivale a circa 35/40 centimetri.

2. Appoggialo sulle gambe aiutandoti con un cuscino

È bene che il libro sia all’altezza degli occhi, in modo da non affaticare né la nostra vista, né il nostro collo. Un cuscino sulle gambe è un’ottima soluzione per tenere il libro più in alto rimanendo rilassati.

3. Assicurati che la luce sia puntata sul libro e non sul viso

L’illuminazione migliore per la lettura sarebbe quella naturale, ma non sempre è possibile. La luce ideale per leggere non deve sforzare gli occhi e deve essere studiata in modo tale da non creare ombre fastidiose sul libro.