OTTICO DEL MESE

Com’è cominciata la vostra avventura nel mondo dell’ottica?
“Vent’anni fa, Massimo, il titolare, si diploma come ottico-optometrista a Salerno e con le sue forze apre nel’99 il primo negozio a Nocera Inferiore, un piccolo locale di 20 mq.” Racconta Annetta, nipote di Massimo e parte del team di Ottica Scarpati.

Come continua poi l’attività?
Dopo un secondo trasferimento in un negozio più grande, all’incirca di 70 mq, la soddisfazione più grande arriva in occasione dei 20 anni di attività, non solo per l’obiettivo raggiunto, ma anche per l’inaugurazione di un nuovo negozio ancora più grande e l’apertura di un secondo punto vendita. Una serie di successi che coronano la nostra esperienza familiare.

Il bello del vostro lavoro e tre parole per definire la vostra attività.
Il contatto con il pubblico è la prima cosa che mi viene in mente. La passione.
La formazione continua che porta ogni giorno ad acquisire nuove conoscenze e ad affrontare nuove sfide.

Il ricordo più bello?
L’emozione provata per i 20 anni di attività. È stato un bellissimo e importante traguardo, considerando la giovane età di Massimo. La nostra nuova sede è così all’avanguardia!

Un’esperienza spiacevole vissuta in questi anni?
Ida, la mamma di Massimo, non ha potuto vivere questo traguardo, ma siamo sicuri che sarebbe stata orgogliosa. 

Il bello del vostro lavoro?
Siamo un team unito, mosso da una grande passione! I clienti affezionati e fidelizzati che vengono nel nostro negozio da sempre sono la ragione che ci fa credere di star facendo un ottimo lavoro.

Il cliente peggiore?
Non ci sono clienti peggiori, ma posso affermare, dice Anetta, che non c’è sempre serietà nel nostro ambiente. A noi piace quella che si definisce sana competizione.

Un sogno per il futuro?
Speriamo che le figlie di Massimo possano entrare a far parte del nostro gruppo, seguendo le orme e i successi del papà.